Nuove perturbazioni in vista

Nell'ultima parte della settimana la situazione peggiorerà a partire dal Nord e dalla Toscana

| Redatto da Giovanni Dipierro

Nei prossimi due giorni, mercoledì e giovedì, l’alta pressione, pur senza occupare con decisione la nostra penisola, ci proteggerà dal passaggio di nuove perturbazioni: ci attendono quindi giornate tra sole e nuvole, con poche piogge (per lo più confinate sul versante occidentale del Paese) e temperature vicine a quelle normali per inizio ottobre. La situazione meteo tornerà a cambiare alla fine di giovedì, quando una nuova perturbazione (la numero 10 del mese) causerà un primo peggioramento del tempo al Nord.

Nuove perturbazioni in vista | NEWS METEO.IT

Venerdì tempo in peggioramento su gran parte del Nord, sull’alta Toscana più marginalmente anche in Emilia, resto della Toscana e Nordovest della Sardegna. I fenomeni, in intensificazione in particolare nella seconda parte della giornata, potranno risultare anche forti su alto Piemonte, alta Lombardia, estremo Nordest e settore ligure, con possibili temporali su Liguria, alta Toscana, alto Veneto e Friuli. Giornata nel complesso migliore sul medio adriatico e al Sud dove non mancheranno temporanee schiarite con qualche pioggia isolata solo sul Salento. Venti meridionali in generale intensificazione localmente anche forti sul Ligure e nell’ovest della Sardegna. Le temperature aumenteranno un po’ ovunque nelle minime e di qualche grado nelle massime sul medio Adriatico, al Sud e nelle Isole per effetto della ventilazione meridionale che favorirà punte oltre i 25°C. Sabato il fronte perturbato interesserà ancora il Nordest, con rischio di nubifragi tra alto Veneto e Friuli, e attraverserà le regioni centrali, la Campania e la Sardegna dove avremo fenomeni sparsi anche a carattere di rovescio o temporale in graduale esaurimento nel corso del pomeriggio , quando qualche temporale raggiungerà anche la Basilicata e la Puglia. Alle sue spalle ancora possibili episodi di instabilità su Levante ligure, alta Toscana, sull’alta Lombardia e sulle Alpi centro-occidentali dove il limite della neve scenderà fino ai 1600-2000 metri. Temperature minime in ulteriore aumento, massime in calo al Nordovest al Centro e in Sardegna.

Nuove perturbazioni in vista | NEWS METEO.IT

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette